Secondo James Schell Microsoft ha sbagliato a fare dietro-front

James Schell, game designer e fondatore di Schell Games, pensa che il dietro-front fatto da Microsoft sulle politiche di Xbox One sia stata una scelta sbagliata.

“Il problema è che i giocatori hardcore vogliono sempre la stessa cosa: ‘Vogliamo esattamente ciò che ci hai dato prima, ma la vogliamo completamente diversa’. In qualche modo, Microsoft ha inizialmente pensato che ciò non fosse un problema o una cosa reale. La verità è che non possono fare ciò che i consumatori chiedono. Sono usciti e hanno detto: ‘Noi faremo questa cosa nuova’. E i consumatori hanno risposto: ‘No, non la vogliamo e la odiamo’ – nonostante fosse ciò che davvero avrebbero voluto e che, alla fine, avrebbero comprato”.

“Perché le grandi compagnie falliscono quando si cambia tecnologia? Succede in ogni tipo d’industria, quindi qual è lo schema? Cosa hanno sbagliato? Tutti dicono ‘Oh, è perché sono stupidi. Le grosse compagnie sono stupide’. Non possono esserlo. Come sono potute diventare così grandi ed essere rimaste tali se fossero stupide? Microsoft non è stupida. C’è un errore che fanno tutti e quell’errore è ascoltare i consumatori”.

Tag:, , , , , ,

SHARE THIS POST

  • Facebook
  • Twitter
  • Myspace
  • Google Buzz
  • Reddit
  • Stumnleupon
  • Delicious
  • Digg
  • Technorati
Giorgio Tiretti
Author: Giorgio Tiretti View all posts by
Gamer ma soprattutto Retrogamer di professione. Nasco videoludicamente all'età di 3 con il NES in bundle con Super Mario Bros e Duck Hunt. Amo anche Musica, Anime e Fumetti (sia orientali che occidentali), Film e Telefilm.
COMMENTA
Games 'N More