Frankenstein's Army - Recensione

Frankenstein’s Army

Vota

Film del 2013 diretto dal quasi esordiente Richard Raaphorst regista tedesco, quale non si sa molto ma che ha diretto alcuni cortometraggi, avrebbe dovuto far uscire un film molto interessante chiamato Worst Case Scenario il quale raccontava di soldati zombie della Wehrmacht geneticamente modificati e resuscitati in occasione della fittizia sconfitta tedesca ai mondiali di calcio del 2006 da parte dell’Olanda e che quest’ultima viene presa d’assalto dai soldati-mostri, un’idea a mio avviso davvero originale che purtroppo il progetto è andato alla deriva per mancanza di fondi, tuttavia il progetto è “rinato” con questa pellicola Horror low budget.

Frankenstein's Army - Recensione
“Si pronuncia Frankensteinnn!”

Parto subito nel dire che l’idea di ambientare un’film horror nella WWII, precisamente verso la fine, è stata già presa da altri tuttavia rimane un’idea di nicchia il cosiddetto sottogenere Horror-War e per la prima volta viene presa in considerazione la modalità Found Footage , ovvero girare il film con una sola videocamera, tipologia molto diffusa negli horror da low budget e Blair Witch Project ne è il capostipite.

Seconda guerra mondiale, 1945, la Germania sta perdendo la guerra.

Il film si apre con uno dei personaggi principali russi registrando dalla sua personale “videocamera” ( alquanto insolita per l’epoca, tant’è che essa verrà accentuata persino da uno dei personaggi tedeschi presenti) con il personale messaggio rivolto al governo Staliniano dell’inizio missione di salvataggio su una squadra russa in avanscoperta la quale se ne sono perse inspiegabilmente le traccie….l’orrore attende la squadra russa di ricognizione in una fabbrica abbandonata….ed un personaggio noto nella letteratura internazionale…..

Nonostante alcuni stereotipi già stravisti nei film horror con recitazione non proprio ai livelli eccelsi, ma che comunque gli attori se la sono cavata e purtroppo come ogni film di questo genere la telecamera fa sempre un’effetto mal di testa comunque superabile,

signore e signori siamo di fronte ad una piccola rinascita del b-movie con stile!

La scenografia e i costumi sono degni delle migliori attrazioni a tema horror, sporche e grezze con effettacci e splatter a volonta, mostri modificati che spuntano in ogni dove ed alcune trappole bizzarre, clichè classici tutti preparati a base di urla, combattimenti, splatter e sorprese varie e senza neanche l’ombra del digitale, tutto alla vecchia maniera.

Un letale mix tra dieselpunk, mockumentary e addirittura torture porn il tutto narrato nella maniera più demenziale possibile (giusto un tocco de La Casa di Raimi) ma anche più cattivo possibile e decisamente accellerato rispetto ad altri film del genere che di solito ci mettono un’ora per far sì che succeda qualcosa, guardare questo film sembra quasi paragonarlo ad un’ora e mezza del noto brand videoludico Wolfestein.

Nel doppiaggio italiano si nota l’ottimo lavoro dell’eccelso Ivo de Palma e di tutto il restante cast!

In conclusione un film horror diverso dal solito, da guardare non di certo con serietà o cinismo ma per il divertimento stesso che il film può dare, degno delle più sporche e demenziali pellicole horror di produzione indipendente a memoria di cinefilo.

GIUDIZIO FINALE
7    Voto totale

Effettacci vecchio stile | Demenziale ed intrattiene al punto giusto come un horroraccio dovrebbe fare

Non il massimo nella recitazione | come in ogni buon found footage le scene sono un po' confusionari

Condividi:

  • Facebook
  • Twitter
  • Myspace
  • Google Buzz
  • Reddit
  • Stumnleupon
  • Delicious
  • Digg
  • Technorati
Autore: Scott Guarda tutti i post di
modesto fondatore della pagina Games'N more nonché gamer dal 1994 ad oggi, nonostante il suo ruolo di istruttore di arti marziali, è anche cosplayer, appassionato di musica (specialmente con la chitarra elettrica) e critico occasionale ma non distoglie mai lo sguardo dall'obiettivo principale: mantenere Games'n More una pagina interessante assieme ai suoi fedeli T-REX e Allen
COMMENTA
Games 'N More