Metal Gear Solid 4 Guns of the Patriots

Vota

Il quarto capitolo di questa eterna serie fu’ prodotto da Konami e creato dal Kojima Nazionale, in esclusiva per PS3, fu’ alla bocca di tutti all’epoca nel 2008 anno di uscita questo gioco è uno dei piu’ belli mai creati nella storia dei videogiochi, uno dei pochi esempi di rara bellezza in una generazione di console (PS3 e XBOX360) che ha improntato a malapena il suo enorme ditone nella storia videoludica.

Per chi non lo sa ancora:
Nell’anno 2014, la guerra è diventata una routine, si combatte solo per interessi personali, le nazioni non usano piu’ gli eserciti ma si affidano a compagnie private col nome di CMP (Compagnie militari private…per l’appunto), nei desolati campi di battaglia del medio-oriente vi è un’uomo ormai col peso degli anni sulle spalle…..il suo nome è Solid Snake, eroe di shadow moses, che a causa del suo problema con il FOX DIE, senza ulteriori spoiler, è invecchiato precocemente, età: 42 anni, costui, un’uomo della terza età precoce carismatico con la battuta pronta e la sigaretta sempre accesa (fumare nuoce alla salute!). Nelle sue missioni è sempre coadiuvato via codec dal fido Otacon, il grande Hal Emmerich che, dopo il primo storico capitolo, con Snake da sempre è impegnato a combattere i vari prototipi pirata di Metal Gear (ved. MGS 2) e contrastare la brama di potere e distruzione di Liquid Ocelot, Alias, Revolver, affiancato dalle quattro bellezze che portano i nomi dei grandi nemici di Snake del primo MGS, bisognerà anche affrontare Vamp è un esercito di bipedi chiamati Gekko!

metal-gear-solid-4-recensione-01 metal-gear-solid-4-recensione-02

Nel gioco saranno presenti tanti altri grandi personaggi, dal colonnello Campbell a Raiden, il fulmine, lo sfortunato erede di Snake e marito di Rosemary, bistrattato ancora una volta dai fan odierni per Metal gear rising: revenegeance, titolo che a me è piaciuto molto nonostante le sue imperferzioni, poi Meryl e la nuova Foxhound,personaggi chiave come la gloriosa dottoressa Naomi e persino Eva di MGS 3…e poi…..

In questa recensione non farò nemmeno uno spoiler, poiché è un gioco che bisogna fare piu’ che giocarlo, bisogna viverlo!

Il gameplay di gioco ancora oggi si dimostra piu’ fresco che mai, una libertà sul campo totale, l’azione è prevalentemente stealth come fra l’altro il sottotitolo principale della serie “tactical espionage action” ma le opzioni sul campo di gioco sono molteplici che creare nuove situazioni e sarà sempre un piacere, anche per le varie difficoltà che paparino Hideo ci ha regalato dal very easy all’extreme big boss, il CQC evoluto rispetto a MGS 3 con nuove tecniche, la barra dello stress da controllare spesso e tenere d’occhio per evitare che il povero nonnino Snake non si abbatta mai durante le missioni, si può riempira la barra con determinati oggetti e una miriade di nuovi gadget dal solid eye che permette di esser usato come radar, al Metal Gear MK 2 usato persino a scopi di offesa contro il nemico.

metal-gear-solid-4-recensione-03 metal-gear-solid-4-recensione-04

Tecnicamente parlando il gioco nonostante fù mascherato da alcuni limiti di aspect ratio a 4:3 rispetto ai 16:9, la grafica e audio del gioco raggiungono ancora oggi un’grande aspetto, da far invidiare molti giochi odierni. L’ambientazione del gioco si suddivide in piu’ parti del mondo a dispetto dei primi capitoli che erano nello stesso luogo per tutta la durata, viaggeremo in medio-oriente, Sud America, Praga, Shadow Moses per i nostalgici (!) e l’atlantico per lo Showdown finale.
Musiche eccelse dirette da Harry Gregson-THE ROCK- Williams, artwork modelli e personaggi dell’onnipresente e “suplime!” Yoji Shinkawa.

metal-gear-solid-4-recensione-05 metal-gear-solid-4-recensione-06

Peccato che molti “esperti” videogiocatori non ci abbiano capito molto della trama e della completezza di MGS 4:

– forse perché ci sono troppi video d’intermezzo, magari anche giocando i precedenti capitoli qualcosa si capisce
– forse perché a molti interessava solo giocare online con MG online, che ora non si può piu’ poiché hanno chiuso tutti i server, tuttavia una buona modalità divertente ma non essenziale
– forse perchè molti videogiocatori credono che l’evoluzione di un’opera audiovisiva sia un’emerita str….ta, ed alcune case, che per ora non farò nomi, stanno dando loro ragione.

metal-gear-solid-4-recensione-07 metal-gear-solid-4-recensione-08

Se posso dare uno sguardo al futuro con MGS 5 che dovrebbe uscire su ps4 e xbox one, le versioni ps3 e xbox360 sono a mia saputa un po’ impossibili osservando le caratteristiche del fox engine, di quello che sarà il quinto capitolo con il pluri-famoso Big Boss il vero protagonista dell’intera saga, stando a tutte le solite trollate made in Hideo, c’è sempre la possibilità che questo brand possa divenire eterno, con tutte le novità da leccarsi i baffi ed oltre, ricordo la voce del verbo “fossilizzare”, verbo rischioso di determinati brand ed è sempre dietro l’angolo, quindi, caro Hideo, dopo le tue provocazioni al grande pubblico via twitter sul nuovo personaggio di Quiet a nessuno spiacerebbe se tornassi in scena alla ribalta con nuovi brand magari, qualcosa che possa far tornare anche il vecchio giocatore di vecchia data e che possa finalmente dire come una volta….”adoro il made in Japan”.

n.b. il mio voto è Approx 10 che vuol dire perfetto, ma quell’aggettivo per me è la prova che per ogni opera videoludica fatta dall’uomo la perfezione non esiste, c’è sempre qualche piccola macchiolina anche se minuscola, ma l’importanza è così notevole che nessuno può restare impassibile di fronte a tale rara bellezza.

Ricordiamo che sul nostro sito (al seguente link) potete trovare tutte le offerte perMetal Gear Solid 4 Guns of the Patriots.

GIUDIZIO FINALE
10    Voto totale
Grafica: 10/10
Gameplay: 10/10
Longevità: 9/10

Il miglior gioco per ps3 (a mio parere) | narrazione da manuale | un'esperienza unica

Forse video un pò troppo lunghi, come tutte le belle cose finisce

Condividi:

  • Facebook
  • Twitter
  • Myspace
  • Google Buzz
  • Reddit
  • Stumnleupon
  • Delicious
  • Digg
  • Technorati
Autore: Scott Guarda tutti i post di
modesto fondatore della pagina Games'N more nonché gamer dal 1994 ad oggi, nonostante il suo ruolo di istruttore di arti marziali, è anche cosplayer, appassionato di musica (specialmente con la chitarra elettrica) e critico occasionale ma non distoglie mai lo sguardo dall'obiettivo principale: mantenere Games'n More una pagina interessante assieme ai suoi fedeli T-REX e Allen
COMMENTA