Need for Speed - Recensione

Need for Speed

Vota

La mossa commerciale più azzardata per un famoso brand di giochi da corse senza una vera e propria trama, anzi inesistente? Ma che domande….un film! Ma è meglio procedere con calma.

Need for Speed - Recensione

Andavo a cento all’ora per fare venti all’ora!

NEED FOR SPEED, film del 2014 della Dreamworks e co-prodotto dalla EA stessa, diretto dallo sconosciuto Scott Waugh.
Tobey (Aaron Paul) è un modesto meccanico ex pilota di corse con le quali si è potuto permettere anche di pagare il mutuo dell’officina lasciatagli dal padre. Tutto và per il verso giusto quando il suo Ex rivale Dino (Dominic Cooper) gli propone di finire una Ford Mustang in cambio di una lauta ricompensa, egli accetta ma le cose non vanno come previsto….tuttavia si batteranno un’ultima volta in una gara clandestina on USA organizzata da un misterioso Michael Keaton. Non proseguiremo nel parlarvi della trama per non cadere nello spoiler.

Pur molto banale ed occasionale, il soggetto potrebbe andare per un brand che non ha effettiva trama (molti riferimenti al capitolo THE RUN, il quale è uno dei più brutti della saga).

Eppure in tutto ciò c’è una nota positiva: le auto con gli stuntman e neanche un effetto GC.

In un film del genere che poteva abbondare tanta CG per darne una parte anche alla Asylum in risposta ad un loro film con le auto, ecco che appaiono le macchine, sfavillanti e lussuose, con gare autentiche e veri stuntman all’interno, stessa tecnica usata ad esempio per film tributi come il progetto Grindhouse, anche la fotografia durante le scene clou in questo caso non è stata malvagia.

In definitiva, voi che vi siete persi questo film al cinema non potevate chiedere di meglio e malgrado gli autentici stuntman e le auto questa pellicola clone di Fast ‘n Furious deve far la stessa fine della Corazzata Potemkin stile Fantozzi.

GIUDIZIO FINALE
4    Voto totale

Vere auto e stuntman all'interno in vecchio stile senza GC

Trama inesistente | Personaggi anonimi ed irritanti | Ennesimo sfruttamento di brand famoso

Condividi:

  • Facebook
  • Twitter
  • Myspace
  • Google Buzz
  • Reddit
  • Stumnleupon
  • Delicious
  • Digg
  • Technorati
Avatar
Autore: Scott Guarda tutti i post di
modesto fondatore della pagina Games'N more nonché gamer dal 1994 ad oggi, nonostante il suo ruolo di istruttore di arti marziali, è anche cosplayer, appassionato di musica (specialmente con la chitarra elettrica) e critico occasionale ma non distoglie mai lo sguardo dall'obiettivo principale: mantenere Games'n More una pagina interessante assieme ai suoi fedeli T-REX e Allen
COMMENTA
Games 'N More